Il tone of voice

Hai mai pensato che la tua azienda ha una personalità? Il modo in cui ti rivolgi ai tuoi clienti, in cui ti presenti dal punto di vista dell’immagine e lo stile dei testi che pubblichi contribuiscono a delineare il tono di voce della tua azienda, proprio come avviene per una persona in carne ed ossa.

Saper sfruttare in modo appropriato il tone of voice contribuisce fortemente al successo sul mercato, ti consente di distinguerti e crea una sorta di affinità ed allineamento con il tuo cliente potenziale target. Di seguito trovi alcuni consigli.

In linea generale, tieni conto che il linguaggio utilizzato deve essere aderente a quello del tuo target. In questo modo le possibilità che il tuo messaggio venga compreso dal tuo pubblico, salgono esponenzialmente. Cerca di metterti sempre al livello del tuo potenziale cliente. Come parla? Usa un vocabolario ricco o con pochi termini? Velocemente o con calma? Come si muove? A cosa presta particolare attenzione?

A seconda dei casi ricordati che dovrai utilizzare toni di voce differenti. Se parli con un cliente altamente specializzato, dovrai sfruttare un linguaggio tecnico, in questo modo trasmetterai sicurezza e competenza, al contrario, se parli con un pubblico più generico e non esperto, fare uso di tecnicismi può essere controproducente. Si genera infatti, immediatamente, un senso di disagio e distacco, che può danneggiare la percezione del brand.
Allo stesso modo, se parli ad un target più giovane, nella maggior parte dei casi puoi permetterti un linguaggio più colloquiale e semplice, soprattutto se sfrutti i social network come canale comunicativo. Se il tuo pubblico è invece costituito da persone più mature, è meglio prediligere un linguaggio più formale, attento e preciso. Ovviamente molto dipende dal prodotto o servizio che stai offrendo e da qual è la finalità del tuo messaggio, oltre al canale utilizzato. Non esiste una regola fissa.

Nel web, e in un numero sempre più ampio di canali, si sfrutta ampiamente il Tu. Questo perché accorcia immediatamente le distanze e fa apparire il messaggio come un qualcosa di rivolto proprio a chi legge. Il potenziale cliente non si sente inserito in una folla, percepito come un numero, ma come un’identità ben distinta. Quelle cose le stai rivelando a lui in quel momento e a nessun altro.
Anche qui, tuttavia, bisogna valutare con attenzione il caso. Se stai cercando di vendere la soluzione ad un problema spiacevole, fastidioso e che crea disagio nel potenziale cliente, può essere utile rivolgersi al plurale o comunque in modo non diretto con il lettore.

Qualunque sia il tuo servizio o prodotto, identificare il tone of voice della tua azienda, incrementa le tue potenzialità di successo. Dedica quindi il giusto tempo per decidere come parlare al tuo pubblico, in base al canale scelto ed al tipo di messaggio da trasmettere.

Se hai trovato interessante questo articolo condividilo con i pulsanti qui sotto. Grazie mille!
Al prossimo articolo! ;)

Questo articolo ti è piaciuto? Condividilo con i tuoi amici!

Commenti

Il tuo giudizio è importante! Commenta qui sotto.

Lascia per primo un commento sull'articolo!

Iscriviti alla newsletter

Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy.

Icona caricamento

. . .